I DSA (Disturbi Specifici dell'Apprendimento): cosa può fare la scuola - Il Nido e il Volo Centro di Psicologia e Psicoterapia

Blog

 
Posted by Patrizia Fiori in Disturbi dell'età evolutiva, Genitori, Infanzia

I DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento): cosa può fare la scuola

 

Quali sono i compiti della scuola di fronte ai Disturbi Specifici dell’Apprendimento, i cosiddetti DSA? Cosa deve fare un insegnante quando incontra un ragazzo con questo disturbo?

Innanzitutto l’insegnante ha il compito complesso e fondamentale di contribuire alla diagnosi, attraverso la rilevazione precoce del disturbo. E’ proprio a scuola che un bambino  scopre di  avere delle difficoltà. Quando iniziano i primi passi scolastici nell’apprendimento l’insegnante si accorge di avere a che fare con un bambino che ha ritmi diversi, che incontra degli ostacoli. Arrivare a definire il problema è fondamentale perché mette chiarezza. Se il bambino che va male a scuola viene etichettato frettolosamente come pigro o incapace non si attiva un percorso di aiuto valido. Un bambino che va male a scuola si sente inadeguato, si sente diverso e, se non aiutato, andrà incontro a ripetute esperienze di  fallimento nel contesto scolastico. Con la diagnosi appropriata è possibile predisporre gli strumenti adatti che gli daranno la possibilità di sentirsi “capace” e efficace e, quindi, in definitiva, che gli daranno  la possibilità di apprendere come  tutti gli altri.

Ecco perché l’osservazione dell’insegnante esperto e che conosce il problema è così importante. E’ fondamentale, quindi, che l’insegnante si informi e conosca veramente questo disturbo.

Per maggiore chiarezza sui passi da fare da parte dell’insegnante, riporto uno stralcio di un interessante manuale   “Con-pensare i DSA” realizzato da Filippo Barbera con la collaborazione dell’Istituto Comprensivo Torri di Vicenza. Si tratta di un e-book a diffusione gratuita ad uso degli insegnanti e dei

genitori che cerca di toccare tutti gli aspetti riguardanti i DSA e ha lo scopo di promuovere e diffondere una maggiore sensibilità e conoscenza del tema dei Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA).

Consiglio a tutti gli insegnanti di scaricare e leggere questo manuale per approfondire le proprie conoscenze su questo disturbo. 

Quali sono, quindi, i passi da fare se si sospetta che il bambino in classe possa avere un DSA?

“Come indicato dalla L. 170/2010, LA SCUOLA HA IL COMPITO DI ATTIVARE SISTEMI DI RILEVAZIONE PRECOCE, che non costituiscono diagnosi. Gli insegnanti possono somministrare delle prove, concordate con degli esperti del territorio, all’ultimo anno della scuola dell’infanzia, al primo e al secondo anno della scuola primaria.  Di fronte ad un caso sospetto di DSA la scuola deve ATTIVARE FORME VOLTE AD UN RECUPERO DIDATTICO MIRATO; SOLO SE QUESTE DIFFICOLTÀ PERSISTONO, sarà necessario consigliare alla famiglia di RIVOLGERSI AD UNO SPECIALISTA, al fine di avviare il percorso per la diagnosi.

In sintesi, il percorso prevede le seguenti tappe:

1. Gli insegnanti comunicano i loro sospetti alla famiglia e invitano la stessa a fare una visita specialistica. Si ricorda che la diagnosi può essere
effettuata solo dalle équipe delle strutture pubbliche (ASL) e dalle strutture accreditate dalla Regione.

2. La famiglia si rivolge al medico (o al pediatra) e richiede un’impegnativa per una visita ai sensi della L.170/2010.

3. I genitori con l’impegnativa prenotano la visita presso i servizi territoriali di competenza. Qualora venissero confermate le difficoltà dello studente, lo specialista rilascerà una diagnosi che dovrà essere presentata alla segreteria della scuola con una lettera di accompagnamento (in 2 copie) per il protocollo. Il numero di protocollo deve essere messo sia sulla copia che viene depositata, sia su quella che resterà in possesso della

4. Gli insegnanti e la famiglia si trovano per redigere il Piano Didattico Personalizzato (PDP), che verrà costantemente monitorato per verificare l’efficacia delle misure in esso adottate.famiglia.

(tratto dal Manuale per genitori “Con-pensare i DSA” di Filippo Barbera)

Per scaricare il manuale “Con-pensare i DSA” clicca qui 

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.